Appunti di Storia dell'arte

Dipartimento di Disegno e storia dell'arte del Liceo "Primo Levi" di San Donato Milanese

Alexander Archipenko

Kiev, 30.05.1887 - New York, 25,02.1964

Opere di Archipenko







Dpo aver studiato a Mosca e a Kiev arriva a parigi nel 1908 ed entra subito in contatto con il gruppo dei cubisti. Nel 1910, espone alla Salon des IndÚpendants di Parigi e conosce le opere di Albert Gleizes , Jean Metzinger , Robert Delaunay. Dopo essere stato vicino al gruppo della Section d'or, se ne distacca , fonda una sua scuola d'arte e inventa le sue prime pitture in rilievo le sculpo-peintures .


Nel 1913 quattro sue opere sono presenti alla mostra dell'Armory Show di New York. Partecipa al Salon des indÚpendants del 1914 e alla Biennale di Venezia del 1920.


Per Archipenko, "Ŕ difficile classificare il lavoro di un artista in periodi". Aggiunge: "Non ho mai fatto parte delle scuole: sono stato licenziato dalle scuole. Ho fatto ricerche, ho inventato e sperimentato, poi sono stato imitato ... Per ogni artista, l'arte Ŕ una corrente creativa ascendente verso la scoperta individuale della veritÓ nelle forme della natura e i periodi sono solo capanne nelle menti dei critici. "


Come la pittura, la scultura cubista si occupa principalmente delle relazioni tra oggetti e spazio, volumi e vuoti che li separano o in cui si inseriscono. L'influenza del futurismo italiano, soprattutto attraverso Boccioni che Archipenko incontr˛ nel 1912, port˛ alla formazione di forme dinamiche. Archipenko ha esplorato in particolare la dialettica delle forme concave e convesse.


La prima opera in cui si vede la ricerca di Archipenko sulla dialettica tra pieno e vuoto e tra concavo e convesso Ŕ Torso del 1909. Continua la ricerca nell'opera Donna che cammina del 1912 e sopratutto nel suo capolavoro che Ŕ Donna che si pettina del 1915.


Picasso aveva elaborato le prime regole di questa grammatica scultorea: la policromia, l'integrazione dei materiali pi¨ diversi, l'uso ritmato dei piani, l'apparenza delle forme all'aperto. Come la pittura, la scultura cubista si occupa principalmente delle relazioni tra oggetti e spazio, volumi e vuoti che li separano o in cui si inseriscono. L'influenza del futurismo italiano, soprattutto attraverso Boccioni che Archipenko incontr˛ nel 1912, port˛ alla formazione di forme dinamiche.

Dal 1913 al 1916, la forma predomina sulla realtÓ. Con La danse del 1912, definisce uno spazio interno in ascesa intriso di leggerezza grazie all'arabesco formato da una coppia. Organizza questa scultura attorno al vuoto.


Con I pugili nel 1913, l'artista cerca di tradurre l'energia brutale dello sport in forme astratte. I pugili sono ridotti a forme acute annidati l'uno nell'altro e si scontrano violentemente, i muscoli sono sostituiti da energie ritmiche.


Dal 1924 al 1928, ha sviluppato l'Archipittura. Le archipeintura del 1924 sono tele messe in moto da motori sapientemente nascosti: un meccanismo elettrico alla base della tela si muove avanti e indietro verso la cornice centrale e migliaia di frammenti dipinti che si susseguono appaiono alla superficie per costituire un quadro completo. Questa invenzione Ŕ stata implementata a New York. La sua ricerca Ŕ sempre stata l'animazione visiva delle sue opere, sia trafiggendole nella massa in modo che lo spazio le penetri, sia usando materiali come vetro, legno o metallo e persino per i suoi dipinti scultorei aggiungere colore.

influenze e opere contemporanee